Anche la Pfizer annuncia lo stop alla ricerca su Parkinson e Alzheimer

Anche la Pfizer annuncia lo stop alla ricerca su Parkinson e Alzheimer

Prospero Rigali
Gennaio 9, 2018

Le malattie neurodegenerative sono un insieme variegato di malattie del sistema nervoso centrale, accomunate da un processo cronico e selettivo di morte cellulare dei neuroni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Alzheimer e Parkinson.

Mentre la malattia di Alzheimer determina disturbi soprattutto comportamentali, il morbo di Parkinson determina disturbi soprattutto motori: all'esordio della malattia, i sintomi più evidenti sono legati al movimento, ed includono tremori, rigidità, lentezza nei movimenti e difficoltà a camminare. Si tratta di due delle più importanti case farmaceutiche del mondo che danno l'addio alla speranza di una cura per decine di migliaia di persone. Uno degli ultimi farmaci sperimentati, messo a punto dalla Eli Lilly, ha cercato per l'ennesima volta di contrastare la malattia, ma senza ottenere grandi risultati.

La notizia del passo indietro di Pfizer dalla frontiera della ricerca sulle patologie neurodegenerative, lanciata con evidenza anche dai mezzi di informazione generalisti, ha fatto sorgere molte e diffuse preoccupazioni, in particolare tra gli addetti ai lavori e nelle associazioni dei malati (che registrano numeri in crescita) di patologie come l'Alzheimer e il Parkinson. Ma Pfizer non rinuncerà alla lotta contro le malattie neurologiche e allo sviluppo di medicine anti-dolore.

Alla fine dello scorso anno, un farmaco anticorpo infuso nei corpi dei pazienti, prodotto da Eli Lilly, non ha avuto un effetto significativo sulla malattia.

È quanto si legge sul Wall Street Journal, che sottolinea come l'annuncio di Pfizer porterà al licenziamento di 300 dipendenti nei centri di ricerca in Massachusetts e Connecticut.

Negli scorsi mesi già Merk aveva abbandonato l'idea di trovare una soluzione contro questo genere di patologie che stanno devastando l'umanità, le cui cure sembrano un obiettivo pressoché irraggiungibile.