Liquidatori Margherita: simbolo è nostro, non esonerato da firme

Liquidatori Margherita: simbolo è nostro, non esonerato da firme

Prospero Rigali
Gennaio 6, 2018

"L'operazione è stata presentata in modo avventato (e autolesionistico): 'Rinasce la Margherita'; ecco la 'Margherita 2.0'". Mi auguro che molti dei promotori nonmi pongano nelle condizioni di riferire in pubblico le precisecircostanze in cui ho spiegato che la richiesta di sfruttare ilsimbolo della Margherita era sbagliata politicamente eimpossibile sul piano giuridico. L'ultima in ordine di apparizione é il tentativo di utilizzare il simbolo della Margherita da parte di Beatrice Lorenzin e soci per la prossima competizione elettorale nazionale.

La Lorenzin era stata avvistata a convegni rutelliani ai tempi delle comunali nei radar di Ostia, zona litorale della Capitale assurta alla cronaca giornalistica per la vicenda degli Spada e suo territorio elettorale di elezione, e forse questo l'ha convinta che l'utilizzo del simbolo avesse una qualche forma di legittimitá, ma evidentemente cosí non é.

Una stoccata, infine, diretta a Dellai:"Se dobbiamo poi risalire a chi ha introdotto in elezioni nazionali il simbolo della Margherita, la risposta è semplice" scrive Rutelli.

Come capogruppo di Centro Democratico giovedì ha avuto questioni anche con un altro simbolo, quello del proprio partito, che Bruno Tabacci ha usato per risolvere il problema della raccolta di firme della lista di "Più Europa con Emma Bonino". Logo che contiene l'immagine di una margherita e che per questo da alcuni giorni è oggetto di un'aspra contesa con Francesco Rutelli, che della Margherita fu fondatore nel 2001 (ora il partito è in liquidazione).

"Il Pd si troverebbe corresponsabile di un abuso politico grave se ammettesse, con la propria coalizione, che il grande e generoso contributo dato dalla Margherita venga utilizzato contro la volontà inequivocabilmente espressa dalla Margherita". Martedì 9 si scioglierà il nodo della Margherita. Ma come si è potuto leggere un'opinione che Rutelli non condivide affatto.

Ma comparirà una margherita nel simbolo? Non la mette certo con queste parole un "moderato" come Francesco Rutelli, ma il senso del messaggio inviato all'attuale ministro della Salute è quello. A me in verità fa piacere che vi sia questo forte riconoscimento da parte di persone che apprezzano il valore della nostra esperienza.

Il ritorno del simbolo della margherita (con la 'm' minuscola) ha provocato le reazioni degli ex membri della Margherita (con la 'M' maiuscola).

Un Rutelli tranchant, che non le manda a dire. Sembra saltare l'accordo con il Pd, e di conseguenza anche la possibilità per il deputato trentino di presentarsi sul listino proporzionale. Andranno insieme Pd e Civica Popolare.

Lorenzin altolà: la margherita sul simbolo te la devi rimangiare. "Noi abbiamo un movimento presente in Parlamento, Unione per il Trentino, che ha il suo nome, il suo logo, e una storia diversa, non vedo ragione di conflitto", afferma l'ex governatore sempre sulle colonne dell'Huff-post.