Paziente in fin di vita: medici studiano tutta la notte per salvarlo

Paziente in fin di vita: medici studiano tutta la notte per salvarlo

Prospero Rigali
Dicembre 11, 2017

Per fortuna che arrivano questi episodi a tirare su il morale, a ricordarci che l'Italia è anche intuizione, genio ed eccellenza in numerosi ambiti, tra cui quello sanitario.

Dopo una notte in bianco trascorsa a studiare un singolo caso i medici dell'ospedale di Montebelluna (Treviso) hanno salvato un paziente con problemi cardiaci che stava rischiando di morire soffocato a causa dell'effetto collaterale di un farmaco per il cuore. Una storia a lieto fine. Soltanto in tal modo è stato possibile depurare il sangue del paziente dalle molecole di questo farmaco che gli aveva provocato una grave insufficienza respiratoria.

Per affrontare un caso medico così grave, i dottori hanno studiato tutta la notte per trovare il trattamento considerato più adatto: sottoporre il paziente a circolazione extracorporea, depurandogli il sangue attraverso un particolare tipo di filtro in grado di eliminare le tracce del medicinale.

'Ormai stavo morendo, poi i medici mi hanno fatto risorgere.

Come è giusto riportare i casi in cui l'operato dei medici è suscettibile di critiche, lo è altrettanto dare valore al loro lavoro quando grazie all'impegno, alla professionalità, cosa che avviene nella maggior parte dei casi, riescno a salvare tante vite umane.