Accordo Tim e Mediaset: il grande calcio sbarca su TimVision

Accordo Tim e Mediaset: il grande calcio sbarca su TimVision

Bruto Chiappetta
Декабря 7, 2017

Ieri si è riunito il consiglio di amministrazione TIM per approvare il budget preliminare 2018 e discutere il piano industriale del biennio 2018-2020. Si è parlato di "creazione di valore per massimizzare convergenza e offerte in bundle scalabili sfruttando al massimo l'estensione delle reti ultra broadband di TIM in fibra e LTE", nonché "un maggiore e migliore utilizzo di data analytics e digitalizzazione, che contribuirà a migliorare l'efficienza permettendo una maggiore qualità del servizio alla clientela e a produrre margini più alti e aumentare la generazione di cassa". In questo quadro, l'Amministratore Delegato ha presentato una panoramica dello scenario regolatorio, tenendo conto dei punti di vista del Governo e delle autorità di settore.

In queste ore gli avvocati di Mediaset e Vivendi si sarebbero accordati su una cifra di risarcimento, che i francesi accettano di corrispondere agli italiani per non aver rispettato il contratto del 2016 in cui si impegnavano ad acquistare Premium, valutandola 760 milioni. "Nei prossimi mesi il management continuerà a vagliare le diverse ipotesi per stabilire se la separazione della rete sia necessaria per rispondere agli input delle Istituzioni e per creare valore", si legge nella nota ufficiale dell'azienda. Uno degli obiettivi del piano strategico 2018-20120 di TIM è quello di proporre offerte convergenti che includano non solo soluzioni di connettività di rete fissa e mobile ma anche contenuti video.

Infine il tema di Mediaset Premium, che oltre al calcio prevederà l'acquisizione di contenuti lineari, i film e le serie TV e le notizie sportive. Tale accordo, qual'ora dovesse andare in porto, arricchirà dunque la piattaforma TIMVision di TIM, tramite la quale saranno visibili dal 2018 Serie A, Champions League e tanti contenuti video. La Società sta negoziando accordi analoghi con altri player di mercato.

Questo accordo sostituirà quello attualmente in essere tra TIM e Mediaset. Il Consiglio ha così avuto l'occasione di ribadire, con delibera assunta a maggioranza, interesse, convenienza e congruità delle condizioni dell'iniziativa, riepilogandone la motivazione nel contesto della pianificazione strategica in corso di definizione. Il gruppo guidato da Arnaud de Puyfontaine, che è anche presidente esecutivo di Telecom, è da un parte il primo azionista di Telecom e dall'altra il secondo socio di Mediaset (con il 28,8%), dopo la famiglia Berlusconi (39,5%).