Arrestato capo ultrà dei Viking della Juve: deve scontare oltre 13 anni

Arrestato capo ultrà dei Viking della Juve: deve scontare oltre 13 anni

Prospera Giambalvo
Dicembre 6, 2017

Con un blitz nel suo appartamento a Cernusco sul Naviglio (Milano) i carabinieri hanno arrestato questa mattina Loris Giuliano Grancini, 44 anni, capo ultras del gruppo Viking, della tifoseria della Juventus.

Come riportato dal Corriere della Sera, l'episodio risale al 5 ottobre 2006, in piazza Morbegno, dietro la stazione centrale di Milano: Pasquale Romeo, condannato in abbreviato come esecutore materiale, sparò due colpi di pistola a un uomo, dopo una lite scoppiata in un locale. Grancini è anche finito a processo per aver minacciato e ferito con una coltellata al polpaccio un amico di Merafino, Antonio Genova, per evitare che testimoniasse contro di lui. Nel 1998 riesce a scampare a una sparatoria, un regolamento di conti per uno sgarro sentimentale, in viale Faenza, nella zona della Barona. L'estate scorsa finisce di nuovo nel registro degli indagati per tentata estorsione al titolare di una società di eventi sportivi.