Truffa dello specchietto, denunciati due napoletani

Prospero Rigali
Novembre 14, 2017

Sono finiti nei guai gli autori di una truffa messa in atto nel salernitano: dopo accurate indagini nel corso dell'ultimo fine settimana, il personale della Polizia di Stato dell'Ufficio Anticrimine del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Battipaglia, a seguito della denuncia presentata da un cittadino, ha individuato le persone che avevano simulato un sinistro stradale con la conseguente rottura dello specchietto retrovisore. La vittima qualche giorno fa, mentre si trovava in auto a Battipaglia, veniva sorpassata ad alta velocità da un'altra autovettura con a bordo due persone le quali lo invitavano ad accostare a bordo strada. I due, dopo una breve discussione, hanno chiesto al denunciante la somma di cinquanta euro per saldare il presunto danno cagionato alla propria autovettura, per evitare così la segnalazione alle rispettive compagnie di assicurazioni.

Hanno provato a estorcere denaro a un ignaro automobilista con la classica truffa dello specchietto ma, alle proteste della vittima certa di non aver urtato la loro auto, non hanno esitato a minacciarlo di morte e a spintonarlo se non avesse consegnato 130 euro in contanti.

Dalle successive indagini è emerso che l'auto con la quale è stata simulata la truffa era stata presa in fitto da una 28enne residente a Napoli. I due, con piccoli precedenti, sono stati denunciati a piede libero ed è stato richiesta anche l'emissione di un foglio di via.