Retroscena Italia, Ventura voleva dimettersi dopo l'andata in Svezia

Retroscena Italia, Ventura voleva dimettersi dopo l'andata in Svezia

Minervino Buccola
Novembre 14, 2017

Un campione del Mondo, un 40enne all'ultima partita di un'incredibile carriera in Nazionale ha ancora la forza di piangere per un risultato sportivo.

La delusione di Gigi Buffon: "Abbiamo fallito anche a livello sociale, poteva essere veramente importante".

Buffon, addio tra le lacrime alla Nazionale. "Non abbiamo sottovalutato niente perché chi gioca queste partite sa cosa vuol dire affrontare queste squadre, sa quanto sia dispendioso recuperare un gol". Futuro del calcio italiano?

Il balletto dura un tempo che sembra infinito, "Il ct si dimette o non si dimette?" dopo quest'epocale disfatta.

Si, perché il calcio, quello vero fatto dalla gente comune e per bene da noi unisce più di ogni altra cosa, soprattutto quando c'è la Nazionale e lo ha fatto sempre sia nei momenti più gloriosi sia nei momenti più bui; commovente e da brividi ieri sera l'abbraccio di un San Siro gremito che ha incoraggiato gli azzurri dal primo all'ultimo minuto. "Ha le stesse colpe che abbiamo noi e tutti gli italiani". Ventura ha accettato di restare, ma ha voluto fare comunque di testa sua la formazione per il ritorno e come è andata a finire lo conosciamo tutti. E mentre si aspetta che l'ex allenatore del Toro venga messo definitivamente da parte, dal post Italia-Svezia emerge un clamoroso retrocena da fonti molto vicine agli Azzurri: Ventura, dopo l'1-0 di Solna, era pronto a lasciare il suo incarico. Sarà necessario, ma anche bello, ripartire proprio da qui. Quello spareggio con la Russia serve a far staccare il pass per la Francia alla squadra del c.t. Maldini, la prima esperienza intercontinentale per Gigi, convocato solo come secondo portiere alle spalle dello stesso Pagliuca.