Negli USA approvato il primo farmaco digitale per tenere traccia delle terapia

Negli USA approvato il primo farmaco digitale per tenere traccia delle terapia

Prospero Rigali
Novembre 14, 2017

Sono stati fatti tanti progressi nel corso degli ultimi anni nel trattamento di molte malattie, con la ricerca medica che ha permesso di migliorare non solo la qualità e i risultati ottenuti dalle terapie, ma anche il modo in cui queste vengono seguite dai pazienti, per tentare i ottimizzare i risultati a beneficio della salute di milioni di persone.

L'U.S. Food and Drug Administration ha approvato oggi la prima pillola intelligente negli Stati Uniti con un sistema di tracciamento digitale di ingestione.

Il sensore della pillola invia un messaggio ad un patch indossabile che a sua volta trasmette le informazioni ad un'app, che permette ai pazienti di monitorare l'ingestione del farmaco direttamente sul telefono cellulare.

La pillola è una versione dell'Abilify della Otsuka Pharmaceutical, autorizzata per il trattamento della schizofrenia, della depressione e del disturbo bipolare, che contiene un sensore sviluppato da Proteus Digital Health. "La FDA supporta lo sviluppo e l'uso di nuove tecnologie nei farmaci da prescrizione e si impegna a collaborare con le aziende per capire come pazienti e i medici possano beneficiare della tecnologia". Da non sottovalutare i benefici sull'economia.

Non mancano, tuttavia, le perplessità provenienti da chi è preoccupato che uno strumento del genere possa creare qualche problema sul fronte della privacy dei pazienti.