Zamparini a sorpresa all'allenamento: "Ora vincere, a dicembre vendo a Cascio"

Prospera Giambalvo
Ottobre 20, 2017

Una visita lampo a sorpresa. C'è un programma per il Palermo dei prossimi 5 anni, io rimarrei in veste di consulente. "Baccaglini si è fatto vivo con Anania, l'avvocato palermitano dello Studio Withers, se arrivano a portare i soldi non c'è problema". La due diligence è già chiusa, non posso dire niente perché c'è un patto di riservatezza. Lo ha detto il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, oggi al campo di allenamento di Boccadifalco prima della sfida di domani alle 15 contro il Novara.

A margine della conferenza stampa indetta alla vigilia del match contro il Novara, Zamparini si è intrattenuto con i giornalisti presenti al Tenente Onorato, svelando alcuni retroscena sulla trattativa che porterà alla cessione societaria: "Cascio? Quattro pareggi contano meno di due sconfitte e due vittorie". Nel mercato di gennaio sarà lui a condurre le trattative: "Il mercato dobbiamo farlo adesso - ha spiegato - non a gennaio". L'idea di staccare la seconda di almeno dieci punti è sempre viva nella mente dell'imprenditore friulano: "Sono sempre convinto di questo". "Già mi sono visto con Cascio e voi non lo sapete". Poi Tedino dovrà valutare e dirmi cosa gli serve.

Dopodiché Zamparini è anche tornato sul caos legato alle convocazioni: "Lupo ha il contatto con le nazionali, io ho preso contatto con dei miei amici". La spalmatura degli stipendi ci permette di risparmiare l'IRPEF per 6 mesi, tutto qui.

Di recente avviati colloqui con i giocatori, specialmente quelli con l'ingaggio più alto, per una spalmatura degli emolumenti: una misura resasi necessaria in parte per il salary cap della seire B (uno sforamento comporterebbe una sanzione) ma anche per il crollo dei ricavi, con presenze allo stadio non oltre le 6-7 mila.