Furti d'arte, ritrovata a New York una parte della nave di Caligola

Furti d'arte, ritrovata a New York una parte della nave di Caligola

Quintino Maisto
Ottobre 20, 2017

Il frammento testimonia la magnificenza del ponte di comando riservato all'imperatore, il cui pavimento come in una villa imperiale era ricoperto di superbi mosaici. L'attenzione comunque è sul piccolo, importante, mosaico particolarmente prezioso perché dopo i lunghi secoli trascorsi sotto le acque del lago, i saccheggi, le dispersioni e poi anche l'incendio che sul finire della seconda guerra mondiale si accanì sul museo, di quelle due favolose imbarcazioni di Caligola resta purtroppo abbastanza poco.

È stato ritrovato un frammento in marmo romano a mosaico con serpentino e porfido, risalente al II secolo d.C. Il bene, originariamente parte della pavimentazione di una delle due navi da cerimonia dell'Imperatore Caligola, affondate nel lago di Nemi, era stato rinvenuto proprio nel lago nell'ambito di una campagna di scavo condotta dal Ministero dei Beni Culturali tra il 1928 e il 1932. È stato individuato dai Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale a New York, grazie alla collaborazione di esperti del settore, presso una collezione privata di una cittadina italiana residente negli Stati Uniti d'America.

La scoperta ha permesso di avviare la procedura per il recupero che ha visto il coinvolgimento del procuratore distrettuale di New York che ha dato il via libera al sequestro. "Tutti saranno ricollocati nei luoghi di provenienza da dove l'attività criminale li aveva sottratti".

Monete, libri e manoscritti, rubati tanti anni fa dai musei e da scavi archeologici clandestini, torneranno in Italia i prossimi giorni.

Il frammento di mosaico, una volta tornato in Italia, verrà custodito nel museo delle Navi Romane che si trova a Nemi, a una trentina di chilometri da Roma.