Taranto: Falsi incidenti stradali, 144 indagati

Taranto: Falsi incidenti stradali, 144 indagati

Quintino Maisto
Ottobre 16, 2017

Frodi per circa 500mila euro orchestrate grazie a falsi incidenti stradali. Tra i denunciati, in otto dovranno rispondere anche di associazione per delinquere. Stando alle ricostruzioni della polizia, gli indagati acquistavano delle vetture al solo scopo di denunciare una serie di falsi incidenti che si verificavano in un breve lasso di tempo. In questo modo riuscivano a rendere più difficile la reale riconducibilità delle automobili e quindi l'effettiva responsabilità nei falsi sinistri stradali.

L'indagine del pm fu avviata dopo la querela dalla compagnia assicurativa Sara, riguardante 6 incidenti stradali che vedevano coinvolta sempre la stessa vettura in due mesi e nei quali il dispositivo satellitare installato dalla compagnia sulla vettura, segnalava delle discrasie tra le posizioni satellitari e quanto denunciato dagli assicurati.

L'analisi della documentazione prodotta dalla compagnia assicurativa ha evidenziato altri 61 casi simili, denunciati come accaduti nel comune di Grottaglie o in paesi limitrofi fra tre veicoli: un iniziale tamponamento tra due auto che culminava con una successiva collisione tra il veicolo tamponato e una terza vettura, il tutto finalizzato a ottenere un duplice indennizzo. Uno di loro era impiegato in una compagnia assicurativa. I denunciati, infatti, miravano ad ottenere un risarcimento veloce con la procedura prevista in regime di indennizzo diretto. Tra i promotori dell'organizzazione c'era un avvocato che metteva a disposizione dell'organizzazione le proprie competenze tecniche giuridiche.