Un milione in banconote false nel trolley: arrestato un uomo in Puglia

Un milione in banconote false nel trolley: arrestato un uomo in Puglia

Prospera Giambalvo
Ottobre 12, 2017

Le banconote sono ritenute dagli investigatori di ottima fattura, quasi indistinguibili dalle originali. L'arrestato è stato rinchiuso in carcere mentre proseguono le indagini tese a riscontare la provenienza delle armi e delle banconote false, oltre che a verificare l'eventuale contiguità dell?arrestato alla criminalità organizzata. L'uomo arrestato, come accertato dalla polizia, sarebbe imparentato con esponenti di spicco dei clan del quartiere di Bari Japigia e sarebbe stato usato come una 'cupa vivente', cioè come un "nascondiglio" dei clan. Lì, l'uomo, che risulta incensurato e disoccupato, viveva con la famiglia. Bratta si è assunto la piena responsabilità, non fornendo però alcuna spiegazione riguardo al possesso di quanto trovato dalla polizia nell'abitazione della coppia: una pistola sull'armadio e le altre in un borsone assieme ai due silenziatori e a proiettili di vario calibro: 7,64 e 6,35. Armi ben tenute e modificate da mani sapienti. Le armi, come ha detto il dirigente della Squadra mobile, Annino Gargano, erano di "pronta disponibilità della criminalità organizzata". Le forze dell'ordine hanno rinvenuto e sequestrato una decina di pistole, numerose munizioni e circa un milione di euro in banconote false. Soldi che poi vengono rivenduti per essere piazzati sul mercato all'incirca alla metà del valore unitario della banconota.

- secondo gli investigatori - un danno consistente all'economia se immesse sul mercato. Va sottolineata la qualità del sequestro'.

Le banconote erano destinate a raggiungere Bari e i comuni limitrofi.