Legge elettorale, il Pd a Gentiloni:

Legge elettorale, il Pd a Gentiloni: "Chiedere la fiducia"

Prospera Giambalvo
Ottobre 12, 2017

I fischi? Non temo nulla, mi sono sempre comportato bene. Tanto che il Pd ha chiesto al premier Paolo Gentiloni di porre la fiducia.

La Fiducia sulla legge elettorale è un "atto eversivo e incostituzionale fatto da chi ha paura dei suoi". "Mettere la fiducia sulla legge elettorale a pochi giorni dallo scioglimento delle Camere - scrive su Facebook il coordinatore nazionale, Roberto Speranza - è oltre i limiti della democrazia". "Si scherza col fuoco", è l'immediata replica al vetriolo di Mdp che assicura: "Voteremo no". Una legge che toglie la sovranità ai cittadini di scegliere i propri eletti viene approvata togliendo la sovranità al Parlamento. "Per la seconda volta nella legislatura un governo vuole blindare una legge elettorale, vietando il dibattito in Parlamento". "Non voglio credere che sia vero", conclude. "Il tutto con la complicità di Lega e Forza Italia che, sulla carta, sono all'opposizione, ma che fanno parte di questo grande e vergognoso inciucio contro i cittadini". "Non voteremo la fiducia ma diremo sì alla legge", fa sapere la Lega Nord.

Resta alta la tensione dopo che il governo ha posto ieri la fiducia alla Camera sulla legge elettorale, con gli oppositori in piazza. "In quella sede ogni gruppo politico ha avuto l'opportunità di approfondire le questioni più delicate e di proporre modifiche al testo base presentato dal relatore Fiano". Poi la Corte ci ha detto con quale legge andare al voto. Oggi sono in programma due delle tre votazioni in calendario.