Ricardo Rodriguez, il terzino gentile che ha conquistato il Milan

Ricardo Rodriguez, il terzino gentile che ha conquistato il Milan

Minervino Buccola
Settembre 21, 2017

Ricardo Rodriguez è una delle note liete del mercato di Mirabelli fin qui.

GLI INIZI- Ricardo è figlio di padre spagnolo e madre cilena, ciò ne giustifica il nome che farebbe pensare ad un sudamericano, invece è svizzero. Nel suo periodo in Germania si è fatto notare anche per le qualità al di fuori del rettangolo di gioco, aveva stretto un'amicizia con un giovane tifoso, tanto da accompagnarlo al treno che lo riportava a casa dopo ogni allenamento.

Alto 183 cm, l'ivoriano ha nella forza fisica la sua principale qualità; possiede inoltre un'ottima tecnica di base, un buon dribbling e un tiro potente che abbinati a un forte spirito di sacrificio, tanta personalità, tenacia e determinazione, lo rendono un giocatore imprescindibile per il centrocampo di Montella. Ha parlato della questione anche Biglia: "Io rigorista?" Oltre ad essere tutti e tre calciatori, hanno anche tutti lo stesso numero di maglia, il 68 anno di nascita della madre, prematuramente scomparsa. È il caso dei tre fratelli Rodriguez, che questa sera in campo con le rispettive squadre sono stati tutti protagonisti. La clausola. L'Inter la riteneva spropositata e non avrebbe voluto spendere 22 milioni per il terzino svizzero con il quale aveva già un accordo sullo stipendio che avrebbe sfondato il muro dei 3 milioni. Non un compito facile quindi quello di Kessiè di soddisfare le aspettative che si erano create attorno a lui; il centrocampista non si è fatto trovare impreparato rendendosi autore di partite importanti, che gli hanno permesso di mettersi in luce e di amministrare il centrocampo del Milan.