Iran,Trump sul nucleare:

Iran,Trump sul nucleare: "ho deciso", ma non rivela cosa

Prospera Giambalvo
Settembre 21, 2017

Nikki Haley, ambasciatore USA alle Nazioni Unite, ha dichiarato di poter votare contro la certificazione anche se la International Atomic Energy Agency dovesse confermare la conformità dell'Iran agli impegni presi nel frenare l'espansione del programma nucleare. "Ho deciso", ha preannunciato Trump a margine del bilaterale con il presidente dell'Autorità nazionale palestinese Abu Mazen, ma la sua posizione non è ancora stata resa nota.

Nel caso in cui decidesse di non certificare il rispetto dell'accordo, la palla passerebbe al Congresso che avrebbe allora 60 giorni per imporre nuovamente sanzioni all'Iran, un atto che di fatto metterebbe gli Stati Uniti fuori dal Pacg.

Si impone anche il segretario di stato Rex Tillerson (nell'immagine appena sotto) che dichiara apertamente che Teheran non sta mantenendo fede alle promesse fatte in precedenza volte a mantenere la pace e stabilizzare l'intera area geografica di interesse.

Federica Mogherini, alta rappresentante per la politica estera Ue, difende l'accordo: "Non c'è alcun motivo per smantellare un accordo che funziona e dà risultati". Il presidente Gentiloni, intervenuto nella serata di ieri (ora italiana) all'Assemblea, ha difeso l'accordo: "Crediamo che la comunità internazionale debba assicurare che il Joint Comprehensive Plan of Action rimanga una storia di successo nell'ambito degli sforzi globali di contrasto alla proliferazione di armi di distruzione di massa".

Il capo della diplomazia Usa ha parlato alla vigilia del primo incontro con il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif e dei ministri degli Esteri degli altri cinque Paesi firmatari dell'accordo nucleare del 2015: Gran Bretagna, Cina, Francia, Germania e Russia. "Non c'è un Paese che può smantellarlo, perché è una risoluzione del Consiglio di sicurezza". "Non è necessario rinegoziare parti dell'accordo". "Stiamo discutendo come possiamo affrontare, insieme, quello che giustamente abbiamo definito il terribile accordo nucleare con l'Iran nonchè come frenare l'escalation aggressiva di Teheran nella regione, soprattutto in Siria". "Ho preso una decisione", rivela a sorpresa il Presidente americano, ma non svela quale.