Consip, Scafarto al contrattacco:

Consip, Scafarto al contrattacco: "Ho fatto errori, ma mai falsificato prove"

Prospera Giambalvo
Settembre 20, 2017

Io in 23 anni di servizio non ho mai falsificato alcuna prova. A Bersaglio Mobile, il programma di Enrico Mentana su La7, parla il maggiore Gianpaolo Scafarto, l'ufficiale del Noe sotto inchiesta per falso davanti alla procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta Consip. Nell'informativa Consip ci sono degli errori?

"Sono amareggiato, solo profondamente amareggiato - ha detto ancora Scafarto - anche perché purtroppo questa vicenda reca pregiudizio all'Arma dei carabinieri che ho sempre servito e amato, come amo il mio Paese". La frase su Renzi? Così il procuratore di Modena Lucia Musti - secondo quanto riporta il verbale della sua audizione al Csm dello scorso 17 luglio - si rivolge al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dopo che nel luglio del 2015 sul Fatto Quotidiano compare l'intercettazione della telefonata tra Matteo Renzi ed il generale della Gdf, Michele Adinolfi. Questi carabinieri sarebbero l'ex capitano del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri Giampaolo Scafarto e Sergio De Cbaprio, ovvero Il "Capitano Ultimo" colui che fu a capo della squadra che catturò Totò Riina.