Oliverio, segnali positivi per regione

Oliverio, segnali positivi per regione

Prospera Giambalvo
Settembre 17, 2017

"E' tipico delle minoranze etniche". Dobbiamo partire dal progetto forte presentato oggi, che si realizza solo se cresce la fiducia del popolo calabrese. "Una tre giorni - è detto in un comunicato dell'Ufficio stampa della Giunta - che ha mostrato nel concreto i risultati già raggiunti e che ha contato quale ultimo intervento quello del Ministro dell'Interno Marco Minniti". La seconda ragione per cui sono contento è che noi calabresi siamo come le minoranze etniche: molto coesi quando siamo fuori e meno coesi quando siamo in Calabria. La Calabria è l'Italia e l'Italia e' la Calabria. "Questa è la sfida da vincere insieme Per rilanciare l'immagine della Calabria". Siamo votati al pessimismo, ma in questo momento l'Italia e la Calabrianon hanno bisogno di pessimismo.

Al centro del Mediterraneo. Condividiamo l'assunto di fondo che ha caratterizzato le tre giornate e cioè che la riscossa della Calabria passa da un impegno collettivo e corale; ognuno deve sentirsi coinvolto e partecipe nel destino di tutti. "Se l'Africa starà bene anche l'Europa starà bene, e la Calabria non può non considerare la propria posizione come una risorsa da sfruttare". Da oggi parte la fase della realizzazione che deve tenere insieme "due parole chiave, lavoro e legalità". La 'ndrangheta costituisce oggi il principale nemico allo sviluppo della Calabria. Ha detto ancora Marco Minniti a Rende. Perciò "dobbiamo lavorare, con impegno e passione" perché neanche un euro di quei soldi possa finire in corruzione ed in mafia. Parlando, poi della "macchina", regionale, tema toccato dal Presidente Oliverio, ha detto che bisogna "cambiarla radicalmente". "La politica che è una visione vince la partita del consenso, una politica che non è una visione non vince". "Creare lavoro è l'obiettivo primario che dobbiamo avere - ha continuato -".

"Non dobbiamo avere paura - ha concluso - dell'innovazione". Non dobbiamo avere paura di mettere in campo gente che puo' anche essere migliore di noi.

"Le parole d'ordine sono lavoro e legalità - ha esclamato Minniti. Diamo, leggermente, una prevalenza ai fatti rispetto alle parole". La Calabria ha una collocazione geopolitica fondamentale, quindi è fondamentale parlare anche di una piccola politica estera della Calabria, utilizzando le università calabresi come risorse straordinarie di formazione e cultura.

"Abbiamo creato gli strumenti per costruire il cambiamento". Questa sfida deve vivere all'interno della comunità calabrese, ma non con le chiacchiere, con i progetti.

"Questa tre giorni- ha proseguito- non è stata una passerella; c'è stata una partecipazione intensa non solo e non tanto quantitativa ma qualitativa, espressione di competenze, rapporti, un confronto vero". È quanto afferma il ministro degli interni Marco Minniti che sta intervenendo all'Universita' della Calabria chiudendo la tre giorni di dibattito "Cantiere Calabria", dopo il presidente della Regione Mario Oliverio. "La Calabria quest'anno ha raggiunto il record di presenze turistiche, questi sono i segni positivi, indice che qualcosa si sta muovendo nella direzione giusta". Si può fare, dicevo qualche tempo fa.