Fiuggi, Berlusconi a Di Maio:

Fiuggi, Berlusconi a Di Maio: "Meteorina della politica"

Prospera Giambalvo
Settembre 17, 2017

Proprio con il presidente del Parlamento Europeo c'è stato un siparietto davanti alla folla che lo acclamava al grifo di "Un presidente, c'è solo un presidente". Dopo l'intervento mattutino del presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, che ha di fatto tracciato la rotta in attesa dell'intervento di Silvio Berlusconi previsto, salvo sorprese odierne, per domani alle 13, a prendere la parola sono stati molti amministratori locali di Forza Italia.

Sulla crisi mondiale legata alle tensioni con la Nord Corea Berlusconi si è augurato che "non ci sia un salto nella follia e che non ci possa essere nuovamente anche solo una volta l'uso di uno strumento atomico e vorrebbe dire una guerra mondiale e la fine della nostra civiltà". E su Di Maio dice ancora: "Non si fa campagna elettorale con l'età".

Tajani sarà il vero fulcro della kermesse, e Berlusconi dovrebbe tenere il suo intervento domenica mattina.

In sala, la stessa dove nel'94, ai tempi della discesa in campo, Berlusconi fece una delle prime riunioni a porte chiuse, organizzata da Alessio Gorla, per il lancio di Fi, si respira aria di 'ritorno al governo'.

"Ieri l'M5s ha indicato come candidato un giovane che mi sembra una meteorina della politica, che viene bene in tv ma non porta alcun bagaglio per gli italiani". "Nessuno di loro ha mai fatto alcunché di buono per sé e per la propria famiglia, non hanno mai lavorato". "Per fare il Presidente del Consiglio bisogna avere potere decisionale, grande esperienza".

Il premier di Forza Italia ha poi ribadito la necessità di un cambiamento di rotta dell'Unione Europea.

Sempre nell'ambito della kermesse azzurra Berlusconi ha rilanciato i suoi cavalli di battaglia sul fisco: "Il nostro programma è sempre quello di meno tasse per famiglie, partite iva e imprese, in modo da dare più lavoro, secondo gli insegnamenti di Reagan e Thatcher".

Governo. "Al termine di un confronto abbiamo visto che tanti vogliono che, mettiamo che ci sia un governo di venti ministri, almeno 12 su 20 siano non professionisti della politica ma esponenti del mondo delle professioni". "Io ho messo questa soluzione al voto ed ha ottenuto il 72 per cento dei consensi".

Rispetto per la Lega, ma il centrodestra lo abbiamo fatto noi "Alla Lega dico che avremo sempre rispetto per le loro idee, ma sappia che il centrodestra l'abbiamo fatto noi e abbiamo sempre avuto il leader per realizzare il programma", ha detto il leader di Forza Italia. Solo chi è nel Ppe vincerà le prossime elezioni in Ue.

"Questa Europa deve essere assolutamente cambiata - ha poi ammonito - dobbiamo farla marciare in avanti e raggiungere una politica estera unica e comune, una politica della difesa comune, che farebbe risparmiare 50 miliardi all'anno a tutti i singoli paesi, ma solo così potrebbe sedersi ai tavoli internazionali al pari di capacità".