L'Inter soffre ma vince e va in vetta: Skriniar-Perisic, Crotone ko

L'Inter soffre ma vince e va in vetta: Skriniar-Perisic, Crotone ko

Minervino Buccola
Settembre 16, 2017

I nerazzurri devono attendere 82' minuti prima di passare. Stavolta l'Inter non perde allo Scida, ma si prende l'intera posta in palio. Al 41′ buon calcio di punizione di Martella che con un tiro potente spaventa i nerazzurri. Al 9' Tonev scappa a Miranda e da fuori area batte in porta, Handanovic respinge a fatica.

LUCIANO SPALLETTI "Conosco molto bene Davide Nicola, lo considero un grande motivatore". Dunque il primo episodio da moviola di Crotone-Inter difficilmente genererà discussioni: i nerazzurri hanno ingiustamente chiesto un rigore, visto che Gagliardini non ha effettivamente subito fallo da Mandragora, che si è comportato nei limiti che il regolamento impone. L'Inter non si ritrova, non riesce ad accelerare sulle fasce e finisce per imbottigliarsi al centro, dove però i centrocampisti rossoblù Barberis e Madragora spezzano ogni tentativo di costruzione. Sempre da fuori Budimir impegna ancora Handanovic. Il primo cambio è nerazzurro: dentro Vecino per Gagliardini, poi dentro anche Nagatomo per Dalbert. Il tecnico di Certaldo non vuole assolutamente sottovalutare l'impegno contro il Crotone: "Ci mancherebbe pure - abbiamo davanti 35 partite ancora e quella dello Scida vale quanto le altre".

"Noi dobbiamo strappare punti ovunque - dice Nicola - anche contro l'Inter".

Spalletti richiama D'Ambrosio per un problema muscolare e inserisce Ranocchia, mentre Nicola tenta il tutto per tutto inserendo Tumminello per Ceccherini. All'andata, il 6 novembre 2016, l'Inter ha vinto tre a zero a San Siro ma soffrendo fino all'ottantaquattresimo minuto, quando fu Perisic a sbloccare il risultato prima che a fissare il risultato ci pensasse la doppietta di Icardi. È l'ultimo atto del match.