Ischia, la terra trema: il terremoto miete due vittime e 39 feriti

Ischia, la terra trema: il terremoto miete due vittime e 39 feriti

Prospera Giambalvo
Agosto 22, 2017

Allo stato attuale, a causa del terremoto verificatosi nella notte di ieri risultano: due decessi - 39 feriti di cui: 10 feriti lievi Tutti i feriti sono assistiti presso il Rizzoli di Lacco Ameno, tranne 1 paziente grave trasferito nella notte in eliambulanza. Il primario del nosocomio riferisce che sono buone le condizioni del neonato e dei suoi genitori, si attende l'arrivo dei due fratellini. Le squadre specializzate dei Vigili del Fuoco sono riuscite a trarre in salvo uno dei tre bambini intrappolati sotto le macerie di un palazzo di tre piani.

Tanto lo spavento per le migliaia di vacanzieri presenti sull'isola in questi giorni di agosto. Black out elettrico a Ischia porto. È durato poco, circa 5 secondi ma lo abbiamo sentito distintamente. Solo dopo abbiamo scoperto quello che è successo in altre zone dell'isola. Tra i 'miracolati', c'è poi un altro uomo ed un'anziana rimasta ferita. Tantissimi i turisti sull'isola, tutti hanno trascorso la notte all'aperto e per chi vuole lasciare l'isola sono stati messi a disposizione servizi per il trasporto verso la terraferma. Sette persone sono sepolte per il crollo di un'abitazione. Riscontrate già due vittime, due donne hanno perso la vita durante il terremoto. Una scossa di terremoto di magnitudo 3,6 ha smosso la quotidianità. Il ragazzo è stato assistito per gran parte delle ore di attesa, vissute ad una profondità di oltre cinque metri, anche da personale medico che ha provveduto a fargli delle flebo e a somministrargli ossigeno. A tracciare un primo bilancio dei danni prodotti dal terremoto, di magnitudo quattro, è stato questa mattina il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, giunto ad Ischia per coordinare le azioni di soccorso. "Siamo molto preoccupati. La scossa qui è stata avvertita fortissima".

Un reparto della guardia di finanza proveniente da Napoli è arrivato ad Ischia in aiuto dei soccorritori ma anche per effettuare opera di anti sciaccallaggio che purtroppo si verifica in tali occasioni. Fra i morti anche la famiglia del filosofo Benedetto Croce, allora ragazzino che grazie ad i soccorsi fu estratto vivo dai crolli.