Barcellona, è caccia all'uomo: blitz a Ripoll per trovare il 22enne marocchino

Barcellona, è caccia all'uomo: blitz a Ripoll per trovare il 22enne marocchino

Prospera Giambalvo
Agosto 20, 2017

E' iniziata alle 10, nella chiesa-simbolo della Sagrada Familia, la messa solenne per la pace e per commemorare le 15 vittime degli attacchi a Barcellona e a Cambrils. Sono presenti i reali di Spagna; il premier Mariano Rajoy, il presidente della Catalogna Carles Puigdemont, la sindaca di Barcellona Ada Colau; la sindaca di Cambrils Cami' Mendoza.

Questa mattina all'alba ci sono stati una serie di blitz a Ripoll, la cittadina vicino Girona da dove vengono molti degli appartenenti alla cellula jihadista responsabile dell'attentato, e a Manlleu, altro paese catalano nei pressi di Barcellona. Lo riferisce La Vanguardia, spiegando che a quanto sembra Younes Abouyaaqoub, il 22enne ricercato, frequentava abitualmente Manlleu e la polizia sospetta che qualcuno possa avergli dato ospitalita'. Durante il sermone del venerdì, l'Imam della Moschea Taiba di Torino, Said Ait ElJide, ha ricordato le vittime di Barcellona, esprimendo profondo dolore per l'attentato. In quell'edificio che era la loro santabarbara "c'erano oltre 120 bombole di gas".

E il capo dei Mossos d'Esquadra, Josep Lluis Trapelo, in conferenza stampa ha detto che la cellula jihadista aveva legami con alcuni Paesi europei.

"Per ora continuiamo a lavorare sull'ipotesi che la cella era formata da 12 terroristi".

Anche la Francia sta dando la caccia a Abouyaaquoub, e sta controllando un numero di telefono francese trovato tra i contatti di uno dei presunti terroristi.

UN'ALTRA AUTO - Poi c'è un altro giallo, legato a un'altra auto che giovedì scorso ha saltato un posto di blocco sulla Diagonal di Barcellona. In un primo momento, gli agenti hanno ipotizzato che l'uomo potesse essere morto per gli spari ma l'autopsia ha confermato la morte per ferite da coltello.