L'Isis minaccia l'Italia: 'prossimo obiettivo degli attacchi terroristici'

L'Isis minaccia l'Italia: 'prossimo obiettivo degli attacchi terroristici'

Prospera Giambalvo
Agosto 19, 2017

L'indiscrezione arriva dal Site, il sito americano diretto da Rita Katz, che si occupa di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web e sui social network ed è stata rilanciata anche sulla relativa pagina Twitter.

Con il tempo Telegram si e' trasformata in un formidabile strumento di comunicazione per l'Is, diventando l'applicazione preferita dai terroristi; l'azienda che la gestisce ha tentato di correre ai ripari lanciando il canale "Isis Watch", dove gli utenti possono segnalare le chat usate dagli jihadisti. Oggi sono stati tre, disposti dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, che portano a 70 il numero degli espulsi nei primi 7 mesi e mezzo del 2017. Ma non solo: maggiore sarà la presenza di uomini delle forze dell'ordine e di elementi utili a sventare eventuali attentati anche nei luoghi di maggiore affollamento usualmente frequentati dai cittadini, come i mercati rionali o gli eventi culturali.

A due giorni dagli attentati di Barcellona e di Cambrils in Spagna e a poche ore dagli attacchi in Finlandia ed in Siberia, l'Isis torna a minacciare l'Italia. Il più giovane, 31 anni, era stato fermato a luglio dai carabinieri di Tortona (Alessandria) per il furto di un minibus della società di trasporto pubblico e già nell'aprile 2016 era stato intercettato in stato psicotico mentre si proclamava seguace dello Stato islamico. Il terzo espulso è un siriano, arrestato nel 2015 per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina; sottoposto ad obbligo di dimora in una cooperativa di Brognaturo, in Calabria, ha tenuto condotte violente e dopo l'attacco di Manchester ha inneggiato alla jihad.