Auto del futuro, joint venture Fca-Bmw:

Auto del futuro, joint venture Fca-Bmw: "Piattaforma per la guida autonoma"

Bruto Chiappetta
Agosto 16, 2017

Il protocollo d'intesa sottoscritto tra le diverse aziende coinvolte, prevede la creazione di una piattaforma leader mondiale, all'avanguardia nella tecnologia della guida autonoma. Si comincerà con vetture autonome di livello 3 anche se si getteranno sin da subito le basi per arrivare ai livelli 4 e 5 ossia alla guida autonoma totale. Da allora esse si sono impegnate nello sviluppo di un'architettura modulare che può essere utilizzata da molteplici costruttori automobilistici in tutto il mondo, allo stesso tempo preservando l'unicità dei marchi di ciascun costruttore automobilistico.

Fca si unirà al Gruppo Bmw, Intel e Mobileye nello sviluppo di una piattaforma tecnologica per la guida autonoma. Tutti i partner, come indica una nota del memorandum of understanding, intendono far leva sui reciproci punti di forza, capacità e risorse per migliorare la tecnologia della piattaforma, aumentare l'efficienza dello sviluppo e ridurre il tempo di immissione sul mercato. "L'adesione a questa collaborazione consentirà a Fca di beneficiare direttamente delle sinergie e delle economie di scala che sono possibili quando le aziende si alleano con una visione e un obiettivo comuni".

Uno dei fattori che consentirà di raggiungere tali obiettivi, prosegue il comunicato, sarà la co-location di ingegneri in Germania ed in altri luoghi. Nello specifico, FCA darà il suo apporto al progetto mediante risorse ingegneristiche e tecniche, oltre che con i suoi significativi volumi di vendita (che permettono di "spalmare" meglio i costi) e consolidata presenza in un mercato fondamentale come quello americano.

Tecnicamente parlando, BMW, Intel e Mobileye si sono date un obiettivo ben preciso fin dall'inizio della loro collaborazione (nel 2016): mettere in produzione, entro il 2021, sistemi per la guida altamente automatizzata (Livello 3) e per quella completamente automatizzata (Livelli 4 e 5); detto che comunque resta da vedere quali saranno le evoluzioni dal punto di vista normativo.

Sergio Marchionne, amministratore delegato di FCA, ha dichiarato che "Per promuovere la tecnologia di guida autonoma è fondamentale creare partnership tra costruttori di auto, produttori di tecnologie e fornitori".

Harald Krüger, presidente del gruppo BMW, ha sottolineato che "I due fattori fondamentali per il successo della collaborazione sono un'eccellenza senza compromessi nello sviluppo e la scalabilità della nostra piattaforma di guida autonoma. Con FCA come nostro nuovo partner, rafforziamo il nostro percorso per creare con successo la soluzione più rilevante di livello 3-5, su scala globale". "Siamo eccitati di accogliere il contributo di FCA, che sicuramente segna un passo in avanti nell'intento di dare al mondo i veicoli autonomi più sicuri".

"Siamo lieti dell'ingresso di FCA in questa piattaforma di cooperazione, che ha segnato progressi sostanziali nel corso dell'ultimo anno e che sta rapidamente entrando nella fase di test esecutiva" ha affermato Amnon Shashua, CEO di Mobileye, controllata di Intel.