Uova contaminate, scontro tra Italia e Ue

Uova contaminate, scontro tra Italia e Ue

Bruto Chiappetta
Agosto 12, 2017

Le autorità sanitarie hanno sequestrato in Italia alcuni prodotti di un'azienda francese che aveva utilizzato le uova di uno degli allevamenti olandesi coinvolti nello scandalo: la partita non è mai stata messa in commercio. Il sistema comunitario di allerta Rasff ha aggiunto l'Italia come paese di distribuzione delle uova di provenienza olandese che potrebbero essere contaminate con l'insetticida fipronil, ma non fornisce ulteriori informazioni.

Lo scandalo delle uova contaminate dal Fipronil, un insetticida dannoso per la salute dell'uomo proveniente dai Paesi Bassi, ha visto Belgio e Olanda scambiarsi accuse. L'utilizzo illegale del prodotto è quindi per ora confermato solo in Belgio, Olanda, Francia e Germania. Ieri due manager dell'azienda Chick Friend sono stati arrestati. Un numero molto elevato che ha reso necessaria l'importazione dall'estero, one le uova provenienti da altri paesi che sono state in totale 158 milioni lo scorso anno.

Numerose perquisizioni e due arresti: dopo mesi di silenzio, con un'operazione congiunta in Olanda e Belgio la magistratura è finalmente intervenuta nella vicenda delle uova contaminate, un allarme alimentare che si è allargato a ben otto Paesi europei. Secondo le prime ricostruzioni, il fipronil sarebbe finito sulle uova perché contenuto in alcuni prodotti usati per disinfettare le fattorie.

Le uova contaminate con il fipronil arrivano soprattutto dai Paesi Bassi, ma anche il Belgio sembra essere coinvolto in qualche modo. Una misura che si è dimostrata efficace in questi anni, dalla mucca pazza all'aviaria, è stata l'introduzione dell'obbligo di indicare in indicare in etichetta l'origine dei prodotti che va esteso a tutti gli alimenti senza attendere che si verifichino le emergenze, ma - precisa Moncalvo - va anche tolto il segreto sui flussi commerciali con l'indicazione delle aziende che importano materie prime dall'estero per consentire interventi mirati.

Le autorità olandesi hanno chiuso diverse aziende a fine luglio a causa delle prove che dimostrano la presenza di fipronil. Intanto Parigi ha fatto sapere che "un lotto di 48.000 uova, il 0NL43651-01, può essere stato acquistato dai consumatori" come spiegato dal ministro dell'Agricoltura Stéphane Travert ai microfoni di radio RMC. Negli ultimi giorni sono state già ritirate dal commercio milioni di uova.

"Abbiamo standard alimentari fra i più elevati del mondo", ha detto il commissario europeo per la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis, "dobbiamo lavorare insieme per trarre le conclusioni necessarie piuttosto che sprecare energie per trovare i colpevoli". Si tratta del primo lotto di uova contaminate dall'insetticida fipronil venduto direttamente nei supermercati francesi. Si tratta dell'ottava nazione europea dove sono stati scoperti lotti di uova contaminate.

CAMPIONAMENTI - E' stato inoltre messo a punto "un piano di campionamenti su uova, ovoprodotti e carni di pollame per la ricerca di fipronil che verra' attuato in via cautelativa - annuncia il ministero - anche in assenza di segnalazioni specifiche".