Musica: Usa, Taylor Swift vince in causa molestie

Musica: Usa, Taylor Swift vince in causa molestie

Quintino Maisto
Agosto 12, 2017

Un giudice del Colorado ha respinto l'accusa del dj David Mueller secondo la quale la cantante statunitense Taylor Swift gli avrebbe fatto perdere il lavoro dopo averlo accusato di molestie sessuali.

La causa per risarcimento presentata da Mueller è stata l'origine del processo, in corso in questi giorni, che vede lo stesso ex speaker radiofonico sul banco degli imputati per molestie sessuali: fu la stessa Taylor Swift a decidere di reagire alla citazione portando l'allora dj davanti al giudice.

Swift aveva accusato Mueller di averla palpeggiata nel 2013. La star non denunciò subito l'accaduto, ma fece in modo che il Dj venisse licenziato. Sono soldi che non vedrà mai perché il giudice distrettuale William Martinez ha deciso che non vi sono prove che la ventisettenne artista americana abbia avuto alcuna responsabilità nell'andamento delle vicende lavorative di Mueller.

"Quell'uomo mi ha alzato la gonna e mi ha afferrato il sedere, rimanendo attaccato alla mia natica nuda a lungo, mentre io tentavo di liberarmi di lui...", ha detto Taylor Swift durante il processo, versione confermata anche dalla madre. Al contrario del dj lei però chiede solo un rimborso simbolico di un dollaro.