Morta la donna aggredita in ospedale Per l'autore l'accusa è di omicidio

Morta la donna aggredita in ospedale Per l'autore l'accusa è di omicidio

Prospera Giambalvo
Agosto 12, 2017

La tarantina di 74 anni era stata vittima di un'aggressione il 9 agosto nel Pronto soccorso dell'ospedale SS. Annunziata di Taranto. Un gesto, quello di mimare l'aggressione, che Maggio ha ripetuto anche nelle stanze della questura dopo il suo fermo. Non c'è movente dietro l'omicidio per il quale gip ha convalidato il provvedimento restrittivo, disponendo la custodia cautelare in carcere per il 42enne Giovanni Maggio. Ora l'accusa è di omicidio.

Nell'interrogatorio, il quarantaduenne non ha confessato e ieri si è avvalso della facoltà di non rispondere. I sindacati hanno ricordato che circa un mese prima una dottoressa di turno al Pronto Soccorso era stata aggredita da un uomo completamente ubriaco.

La Polizia è riuscita a risalire all'autore del delitto grazia alle immagini della videosorveglianza e ad alcune testimonianze acquisite nel corso delle indagini. Secondo quanto si apprende, all'uomo era stato ordinato dal tribunale di sottoporsi ad un trattamento di cura presso i servizi di igiene mentale dell'Asl. L'aggressore, un 42enne, era fuggito.

La donna in un primo momento era stata dichiarata morta cerebralmente poi un piccolo segnale di ripresa aveva fatto sperare che potesse riprendersi. Il quarantenne era stato identificato e fermato. In questi giorni la donna è stata nel reparto di rianimazione, in stato di coma.