Mare spietato, ragazza annega a Ischia: è la terza vittima in Campania

Mare spietato, ragazza annega a Ischia: è la terza vittima in Campania

Prospera Giambalvo
Agosto 11, 2017

Ma un mulinello l'ha travolta, e l'ha trascinata via. Dopo quella di Sorrento che ha visto la morte del 31enne Agostino Navarra, a morire a Ischia oggi è una ragazza napoletana di soli 18 anni, Alessia Piatti, residente al Rione Alto. Vani i tentativi di strapparla alla morte. Secondo le prime ricostruzioni, era con quattro amiche quando si sarebbe tuffata nelle acque della spiaggia di Cava dell'Isola. I medici hanno subito iniziato la terapie di rianimazione della malcapitata, che però sembra non ha resistito ed è deceduta.

Il corpo senza vita di Alessia è stato ritrovato al largo della spiaggia di Citara completamente in balia delle correnti che lo avevano spostato da una tratto di spiaggia all'altro. Sarà trasferita al II Policlinico di Napoli per un'autopsia volta a stabilire le cause del decesso. Sul posto sono intervenute numerose volanti della Polizia di Stato oltre che della Guardia Costiera che hanno avviato le ricerche con mezzi di soccorso.

Le due amiche di Alessia, con le quali aveva preso in affitto un monolocale a Ischia, in via delle Terme, hanno dichiarato: "È stato un attimo, lei era sulla riva e non aveva certo intenzione di entrare in acqua".

Gli agenti del commissariato di Ischia e il vicequestore Alberto Mannelli hanno raccolto e continueranno a farlo, le testimonianze ed effettuando i rilievi per il rapporto al magistrato di turno. La salma è stata trasportata all'ospedale Rizzoli di Lacco Ameno.