Tragedia alla Stazione Centrale: uomo muore in attesa dei soccorsi

Prospera Giambalvo
Agosto 5, 2017

Alla stazione centrale di Napoli ci sono una cabina per le fototessere, una macchinetta che realizza in cinque minuti targhette metalliche per i cani e il presepe con il bambinello esposto tutto l'anno.

Mario D'Aiello aveva 42 anni.

Stando a quanto si apprende, il ritardo con il quale i soccorsi sono giunti in stazione fanno discutere. Non erano ancora le nove di sera quando si è accasciato al suolo e ha iniziato a vomitare sangue. Chi era lì ha subito chiesto aiuto agli uomini della Polfer e della vigilanza, ma soprattutto ha telefonato al 118. Secondo una prima ricostruzione l'uomo sarebbe deceduto a causa di un'emorragia diffusa, evento che può capitare a chi soffre di questa malattia genetica e che si risolve solo con l'inserimento di un palloncino nello stomaco, da parte dei sanitari, che comprime i vasi.

La procura ha stabilito che il corpo del 42enne venga sottoposto all'esame autoptico.