Siccita: coldiretti, in veneto terza ordinanza per contingentare acqua, serve prevenzione

Siccita: coldiretti, in veneto terza ordinanza per contingentare acqua, serve prevenzione

Bruto Chiappetta
Luglio 17, 2017

"La prima stima dei danni si attesta sui 60 milioni di euro, con il calo delle precipitazioni che porterà - seppur con differenze territoriali - a una diminuzione delle rese di grano e orzo (-30/40% circa, con picchi anche del 60% in alcune zone) e per i foraggi, ma anche della produzione di girasole, con i prossimi giorni decisivi, di olio e miele (oltre 50%)". E non sempre il ricorso all'irrigazione di soccorso è sufficiente per salvare i raccolti: del resto, sottolinea Coldiretti, ormai l'emergenza siccità interessa i 2/3 delle superfici agricole italiane.

"Siamo costretti ad affrontare una grave emergenza perché è mancata la programmazione" - ha affermato il presidente nazionale Roberto Moncalvo - in un Paese che è ricco della risorsa acqua, ma che deve fare i conti con cambiamenti climatici in atto.

E' quanto emerge dal Dossier della Coldiretti presentato questa mattina, lunedì 17 luglio a Roma, dal presidente nazionale Roberto Moncalvo all'Assemblea con gli agricoltori provenienti da tutte le province per il primo focus dedicato all'impatto sull'agricoltura nazionale dall'eccezionale situazione climatica. L'organizzazione agricola ha promosso l'alleanza tra gli agriturismi a marchio Campagna Amica e Federforeste con l'avvio di una task force per il monitoraggio, la prevenzione e la valorizzazione dei boschi. La prima rete nazionale degli agriturismi a tutela dei boschi italiani fondata sull'azione di monitoraggio di 'agricoltori ranger' diffusi capillarmente in tutte le aree agricole italiane, sarà impegnata nella prevenzione degli incendi con la segnalazione alle autorità responsabili delle emergenze. "Occorre cogliere le opportunità offerte dalla legge di orientamento che invita le pubbliche amministrazioni a stipulare - conclude Coldiretti - convenzioni con gli agricoltori per lo svolgimento di attività funzionali alla salvaguardia del paesaggio agrario e forestale". "La Regione ha accolto la richiesta - spiega una nota di Coldiretti".

L'attingimento La Cecchini ha evidenziato che "con un maggior rilascio nel Tevere verrà quindi ampliata la possibilità di attingimento".

In Veneto siamo gia alla terza ordinanza della Regione sullo stato di crisi per siccita.

Secondo Coldiretti salgono a circa 2 miliardi le perdite provocate alle coltivazioni e agli allevamenti da un andamento climatico del 2017 del tutto anomalo che lo classifica tra i primi posti dei più caldi e siccitosi da oltre 200 anni, ma segnato anche da disastrosi incendi e violenti temporali che si sono abbattuti a macchia di leopardo sull'intera Penisola.