Incendio alla Grenfell Tower, 79 tra morti e dispersi nel rogo

Incendio alla Grenfell Tower, 79 tra morti e dispersi nel rogo

Prospera Giambalvo
Giugno 20, 2017

L'incendio nella notte del 13 giugno scorso.

Sempre secondo la polizia non è nemmeno da escludere che il numero delle vittime possa aumentare nuovamente.

Queste due persone vivevano sullo stesso pianerottolo dei due giovani italiani e, come riferisce Gianni Gottardi, si erano rifugiati da Marco e Gloria perché "dal loro lato del grattacielo il rogo aveva già raggiunto il ventitreesimo piano". Due studenti modello, che si erano trasferiti a Londra da pochi mesi per cercare di trovare quella fortuna che non avevano trovato qui in Italia dopo essersi laureati in architettura con il massimo dei voti. Circa 200 persone, residenti negli appartamenti del palazzo di Holloway interessato dall'incendio, sono fuggiti in preda al panico prima dell'arrivo della London Fire Brigade mentre altre cinque sono state salvate dai vigili del fuoco utilizzando le scalette.

"Mi dispiace dover dire che a stamani ci sono 79 persone che ritieniamo siano morte o disperse e tristemente devo presumere che siano morte" ha detto il comandante Stuart Cundy ai giornalisti.

L'incendio alla Grenfell Tower di Londra poteva essere evitato. I pompieri sono arrivati nel giro di 6 minuti: oltre 200 alla fine, con una quarantina di mezzi e autoscale. Personalmente non ho nulla contro il mio Paese, da dove sono dovuto fuggire per svolgere la mia professione in modo dignitoso, ma basta dare una veloce occhiata al condominio dove vivo per capire che, pur essendo in centro di Milano e abitato da benpensanti perbenisti, non e' assolutamente a norma. Gli euroscettici hanno ancora un peso molto forte nella maggioranza, decisamente indebolita per i Conservatori e per la Premier dopo i risultati delle ultime elezioni generali, e dunque non sono piaciute le ultime dichiarazioni d'intenti della May che, per recuperare consenso in maniera trasversale, avrebbe aperto a coloro che vogliono invece un approccio più soft riguardo l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea.