Closing Palermo, le ultime: il comunicato di Zamparini

Closing Palermo, le ultime: il comunicato di Zamparini

Prospero Rigali
Giugno 20, 2017

Dall'ultimatum al rinvio, l'ennesimo. Il pareggio è stato permesso, come ha scritto la società in una nota, dalla cessione dell'intero pacchetto di quote detenuto nella società Mepal unipersonale, che detiene il marchio "Palermo Calcio" (marchio che era stato conferito a Mepal, insieme al piano di merchandising e a alcuni contratti di licenza, nel 2014).

Gli ultimi passaggi burocratici sono stati compiuti: ora per il definitivo sì alla cessione del Palermo la palla passa a Maurizio Zamparini. Nel frattempo si è sbloccata la situazione allenatore, Bruno Tedino domani potrebbe raggiungere Palermo per firmare il nuovo contratto. Insomma, Zamparini si è mosso nella sua terra d'origine, con i suoi conterranei, per tornare in sella al Palermo. Ad oggi non abbiamo ricevuto Paul Baccaglini e soci alcuna variazione all'accordo, né nei contenuti, né nelle cifre, né verbalmente, né per iscritto. Insomma, Zamparini per risanare parte dei suoi debiti si augura di concludere dato che il closing è previsto per questi giorni, ma non è escluso che salti tutto e la squadra rimanga nelle sue mani. Reduce da un'annata straordinaria alla guida del Pordenone, condotto sino alla semifinale playoff di Lega Pro persa soltanto ai rigori contro il Parma, la scelta di Tedino può essere un segnale da interpretare con la definitiva interruzione della trattativa tra Baccaglini e Zamparini, con quest'ultimo che rimarrà al timone del club di viale del Fante.