Ventura:

Ventura: "Donnarumma? Deve fare il calciatore"

Minervino Buccola
Giugno 19, 2017

E' fondamentale partire bene in tornei del genere. E' questo il pensiero del commissario tecnico della Nazionale maggiore, Giampiero Ventura: "E' un gruppo unito, con grande voglia: abbiamo visto solo una piccola parte di ciò che vedremo in futuro". "Diciamo che Berardi - spiega Ventura - è migliorato di stage in stage soprattutto nella serenità". Ha grandissime potenzialità e deve solo trovare la giusta convinzione nei propri mezzi. Il club francese però, ovviamente, non resta a guardare e prepara quello che potrebbe essere un calciomercato da sogno. Sull'altro gioiello del calcio nostrano, Donnarumma, ha invece detto: "Deve fare il calciatore. Le sue qualità sono enormi". "Donnarumma è un calciatore di grandissimo livello, un predestinato, raramente ho visto un giocatore così giovane e così maturo. La cosa principale è chiudere quanto prima questa telenovela e che lui torni ad avere un barlume di serenità per preparare la prossima annata". Egoisticamente, più lo tengo a tenere d'occhio in Italia meglio è per me. Ho avuto la fortuna di far spiccare il volo a molti calciatori. Ventura ha "concesso" diversi giocatori importanti a Di Biagio mentre la Germania non ha esitato a pescare a piene mani nella sua under 21 per la Confederations Cup. Inutile andar via per poi passare dalla porta di servizio. "Per la prima volta non siamo testa di serie e per la prima volta si qualifica solo la prima del girone - ha commentato Ventura - peroò abbiamo gli stessi punti della Spagna con quattro reti di differenza". Non ci è precluso di andarcela a giocare in Spagna ed eventualmente negli spareggi. Intanto però questo cambio europeo fa in modo che l'Italia in due anni sarà la Nazionale più giovane.

Il c.t. della Nazionale maggiore seguirà da vicino gli Europei di categoria, che vedono l'Italia fra le favorite per il successo finale. "Andrea può fare bene anche in Francia ma certamente se vorrà andare dovrà essere certo di fare il protagonista e non soltanto essere uno che integra la rosa".