Venezuela, arrestato paramedico italiano

Venezuela, arrestato paramedico italiano

Prospera Giambalvo
Giugno 19, 2017

Nella rete della repressione in Venezuela finisce anche un italiano.

Roma, 18 giu. (askanews) - L'italo-venezuelano Angel Faria Fiorentini è stato fermato il 12 giugno scorso dalle autorità venezuelane nell'area di Chachao, uno dei cinque comuni che compongono il Distretto Metropolitano di Caracas, e si trova oggi in un posto di comando della Guardia nazionale di Chacao (non in un penitenziario). Al momento sono ancora da chiarire i reati che gli vengono contestati.

La Farnesina in accordo con l'ambasciata e il consolato generale continua a seguire con tutta l'attenzione necessaria il caso del connazionale arrestato a Caracas durante una manifestazione. "Ma e' innocente, non ha fatto nulla", ha assicurato. "E' una cosa inconcepibile, fuori dal mondo, basata su accuse assolutamente insensate o inventate - dice il legale - Ora Angel rischia tantissimo". Il risultato del blitz è di 24 persone arrestate, tra cui il giovane molfettese, poi esibite in tv di spalle come si può vedere dalla foto qui sotto, in cui è cerchiato di rosso proprio Angel, inviataci da un suo amico residente a Molfetta. Perillo ha però nega che l'azione di protesta sia stata così violenta.

Il fermo era stato denunciato sulla propria pagina Facebook dall'organizzazione Verenescate, che si occupa "di assistenza medica e umanitaria ed è composta da medici, paramedici e soccorritori". Dal primo aprile sono stati 74 i morti nelle proteste.

Intanto Italia e Spagna hanno lanciato un appello al governo venezuelano perché rinunci all'Assemblea costituente.