Un 25enne italo-venezuelano fermato a Caracas per terrorismo. Il legale:

Un 25enne italo-venezuelano fermato a Caracas per terrorismo. Il legale: "Accuse inventate"

Prospera Giambalvo
Giugno 19, 2017

La notizia è stata confermata dalla Farnesina, che ha anche sottolineato di seguire il caso con particolare attenzione. Si tratta di Angel Faria Fiorentini, originario di Molfetta, in provincia di Bari.

Uno degli avvocati del giovane, Andres Perillo, ha riferito a Repubblica che durante l'udienza preliminare Angel è stato accusato di terrorismo. Ora Angel, madre italiana e padre venezuelano, rischia tantissimo.

Il fermo nei confronti del giovane è avvenuto a Caracas, nel corso di una manifestazione contro il presidente Maduro. Con lui sono state fermate altre 23 persone, ufficialmente perche' sospettate di aver preso parte a un assalto alla sede locale del ministero dell'edilizia e al Consiglio nazionale della Magistratura.

"È una cosa inconcepibile, fuori dal mondo, basata su accuse assolutamente insensate o inventate". Néstor Luiz Raverol, il ministro della Giustizia venezuelano, ha poi postato su Twitter una foto degli arrestati, con la scritta inequivocabile: "Ecco i delinquenti della destra terrorista, responsabili degli atti vandalici di Chacao".

Un paramedico italiano che si trovava nella zona di Chacao a Caracas, per prestare volontariato e soccorrere i manifestanti feriti, è stato arrestato dalla polizia, e si trova ora nel comando della guardia nazionale del distretto della capitale.

L' avvocato di Angel e un suo amico parlano invece di una vera e propria imboscata dei militari avvenuta "dopo qualche disordine, nulla di comparabile" ai tragici scontri degli ultimi mesi di durissime proteste in Venezuela.