Milano, ergastolo a Pellicanò per la strage nella palazzina di via Brioschi

Milano, ergastolo a Pellicanò per la strage nella palazzina di via Brioschi

Prospera Giambalvo
Giugno 19, 2017

Provvisionali per circa 1,5 milioni di euro, invece, sono andate complessivamente ai familiari dei due fidanzati marchigiani, Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi, che abitavano dell'appartamento accanto ai Pellicanó e che sono morti anche loro nello scoppio.

Il giudice comunque lo ha anche condannato al pagamento di una provvisionale complessiva di 3,2 milioni alle parti civili. Vizio che non è stato riconosciuto e non ha portato dunque all'attenuazione della pena.

Il carcere a vita per le accuse di strage e devastazione. Entrambi i reati nella richiesta di pena venivano aggravati per "aver agito per motivi abietti e futili", circostanza non riconosciuta dal giudice. Un decadenza che avrà effetto dal momento in cui la condanna diventerà definitiva. Per la sola devastazione è stata riconosciuta l'aggravante di aver "commesso il fatto in presenza o in danno" di minorenni per Pellicanò.

Lo hanno scritto la professoressa di Criminologia Isabella Merzagora, lo psichiatra Franco Martelli e il neurologo Marco Zucconi nelle 49 pagine di perizia depositate, in fase di indagini e con la formula dell'incidente probatorio, nelle quali hanno accertato che l'uomo aveva al momento dei fatti un vizio parziale di mente a causa, in particolare, di una forma di "depressione".

Perde la patria potestà sulle figlie: Con la sentenza, Pellicanò è stato anche dichiarato decaduto dalla potestà genitoriale sulle due bambine. Una perizia psichiatrica - contestata dalla procura e dalle parti civili - aveva peraltro concluso che Pellicanò ai tempi della strage sarebbe stato parzialmente incapace di intendere e di volere, perchè gravemente depresso.

Risarcimenti da 3mila euro anche per gli altri condomini a cui sono stati danneggiati gli appartamenti. "Le bimbe stanno bene - ha riferito la mamma di Micaela Masella che le accudisce insieme al marito - vedremo cosa vorranno fare in futuro con il loro padre".