Londra- furgone su pedoni- un morto e otto feriti

Londra- furgone su pedoni- un morto e otto feriti

Aldobrando Tartaglia
Giugno 19, 2017

L'ultima cicatrice di una lunga serie, è avvenuta ieri sera nella zona di Finsbury Park, dove un furgone a tutta velocità si è lanciato sulla folla di fedeli all'esterno di una moschea. Gli uomini travolti si trovavano fuori dalla moschea all'angolo tra Seven Sisters road e St. Thomas's road.

Le notizie pur frammentarie parlano di due vittime e una decina di feriti. L'intera area è stata isolata dalle forze dell'ordine. La polizia, tuttavia, avrebbe smentito la presenza di ferimenti da arma da taglio tra le persone coinvolte, né sarebbero stati individuati al momento complici, sebbene le indagini stiano proseguendo su questa strada. L'altra è ricercata dalla polizia inglese. L'autore del gesto sarebbe stato fermato. Secondo alcuni testimoni, dopo l'assalto un uomo è sceso dal mezzo con un coltello in mano provando a uccidere i presenti.

La prima ministra Theresa May ha espresso vicinanza per le persone ferite e ha ringraziato i responsabili dei soccorsi, che sono arrivati sul posto pochi minuti dopo l'incidente. Su Facebook il primo cittadino della capitale britannica ha aggiunto che i suoi "pensieri e le preghiere vanno a tutti i colpiti".

"Ucciderò tutti i musulmani".

"Dobbiamo restare uniti contro gli estremisti qualunque sia la loro motivazione", avrebbe invece dichiarato il capo di Scotland Yard.

Basu lo ha definito "un attacco a Londra", invitando i londinesi a "unirsi contro il terrorismo, contro gli estremisti".

La moschea di Finsbury Park e i luoghi vicini dal 1994 in poi è stata il nido dello jihadismo britannico.

Totalmente choccato si è detto anche il leader dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, popolare deputato da 35 anni del collegio di Islington North, di cui fa parte di Finsbury Park. Anche il sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan, musulmano e figlio d'immigrati pachistani, è stato informato e si sta occupando della vicenda.