Giro d'Italia 2017, tappa 18: le pagelle di Angelo Costa

Giro d'Italia 2017, tappa 18: le pagelle di Angelo Costa

Aldobrando Tartaglia
Mag 28, 2017

Il racconto di giornata. Eravamo come fratelli, teneva il gruppo sempre allegro. L'olandese, oggi penalizzato da problemi intestinali, è riuscito a limitare il distacco dai rivali che lo hanno preceduto all'arrivo di Bormio, dove si è conclusa la 16/a tappa, partita da Rovetta (Bergamo). Il basco e il siciliano hanno collaborato fino all'arrivo e si sono giocati il successo allo sprint; ad imporsi Nibali, che ferma così l'astinenza di vittorie tricolori alla Corsa Rosa. A transitare per primo per un bellissimo gesto simbolico è stato Luis Leon Sanchez, suo compagno all'Astana, visibilmente commosso.

Menzione d'onore al corridore della Sky Mikel Landa: in fuga per tutta la tappa è stato l'ultimo a cedere alla rimonta di Nibali. "Decimo il francese Thibaut Pinot, a 1'35" da Nibali. "Sono ancora giovane, ci saranno giorni più fortunati". La classifica non cambiava leader ma vedeva alle sue spalle avvicinarsi, racchiusi in appena 72 secondi due clienti scomodi e pericolosi per la Farfalla di Maastricht: il Condor e lo Squalo. "I sette battistrada hanno aumentato a 3'15" il loro vantaggio sul gruppo dei big di classifica. Da qui la discesa verso Ortisei per affrontare il Passo di Pinei, GPM di 3/a categoria di 4.2 km, una fatica breve ma con pendenze da tenere d'occhio.

Non stupisca tanto il Nibali che vola in discesa pennellando le curve ma i più attenti avranno visto gli scatti sull'ultima salita, con Quintana solo a ruota, quasi timoroso di stuzzicare lo Squalo che cresce. La corsa alla maglia rosa è riaperta? Nel frattempo Landa e Amador si fanno recuperare dai 4 inseguitori per avere gambe in più per i 45 km finali. "Ma in un Giro che potrebbe decidersi per pochi secondi, anche i 10" di abbuono per la vittoria potrebbero fare la differenza. Infine, Hirt si ricongiungerà poco dopo. "Farlo al Giro davanti a questi corridori è meraviglioso". 11 Maglie Rosa per Tom Dumoulin, le stesse dei vincitori del Giro Ivan Gotti, Damiano Cunego e Denis Menchov. Si è nemici solo sul campo. A dir poco stoico, nonostante tutti i problemi e la sfortuna di giornata.

A un minuto e mezzo circa da Nibali ecco alla spicciolata un gruppetto con - nell'ordine - Formolo, Mollema, Jungels, Yates, Pinot e Kruijswijk. Nel frattempo in testa Landa parte in solitaria, lasciando gli altri due soli. Si corre oggi la 16^ tappa, la Rovetta-Bormio di 220 chilometri e soprattutto con un dislivello di 5400 metri.

2 - Nairo Quintana (Movistar Team) s.t.