Serie A più

Serie A più "spezzatino". Le partite su 8 finestre

Minervino Buccola
Mag 26, 2017

E probabilmente sarà stato proprio il grande successo in termini di pubblico sugli spalti e in tv di Inter-Juventus a convincere la Lega della bontà di un calcio di inizio la domenica alle 18.

I pacchetti messi a disposizione sono 5: satellite, digitale terrestre, internet 1 e 2 più un altro pacchetto accessorio.

"Nel caso di cambiamento del formato della Competizione con la partecipazione di 18 Società Sportive con conseguenti modifiche delle modalità di promozione e retrocessione - si legge nel bando - i Pacchetti A, B C1 e C2 manterranno il numero di Società Sportive sopra indicate, ma vedranno ridotte proporzionalmente il numero degli Eventi e conseguentemente adeguati i criteri di suddivisione". Chiunque può presentare un'offerta, quindi è un pacchetto multipiattaforma.

A guardare i nuovi orari nell'insieme si evince come non siano delle novità assolute perché delle prove, lo ricorderete sicuramente, sono state fatte proprio in questa stagione. Per permettere il giuso bilanciamento di risorse e passaggi tv, la Lega ha distribuito le squadre secondo il bacino d'utenza. Infatti comprenderanno solo le prime 4 squadre per bacino di utenza (verosimilmente Juventus, Milan, Inter e Napoli), le 3 neopromosse e la squadra di A con il bacino di utenza più basso.

L'idea di acquistare tutto il campionato, o comunque il meglio del calcio italiano, è comunque realizzabile.

Simili tra di loro anche i pacchetti A e B: hanno 248 partite di 8 squadre e saranno quelle dei pacchetti C1 e C2. Una cifra sensibilmente superiore a quanto investito per il triennio precedente (572 milioni l'anno).

Gli slot orari saranno ancora più spezzettati nel corso del week-end.

Si giocheranno tre partite sabato (ore 15, 18 e 20.30), sei domenica (una 12.30, tre alle 15, una alle 18 e una alle 20.30) e una lunedì sera (20.30). Ma cosa cambia rispetto al presente?