Padre e figlio uccisi in tabaccheria a Giugliano

Padre e figlio uccisi in tabaccheria a Giugliano

Aldobrando Tartaglia
Mag 26, 2017

Sotto i colpi dei killer sono caduti Vincenzo ed Emanuele Staterini, padre e figlio, raggiunti mentre si trovavano all'interno del bar-tabacchi Di Marino, su corso Campano. Secondo alcuni testimoni, le vittime sarebbero state uccise da due sicari a bordo di uno scooter con volto coperto da casco integrale. I due hanno aperto il fuoco, uccidendo entrambi. Il padre fu la mente del colpo al Banco di Napoli di Mondragone, quando la banda buco riuscì a entrare nella filiale in viale Margherita portando via un bottino di 490mila euro; il figlio, invece, fu arrestato insieme ad altre tredici persone nel 2012, specialista nelle rapine in banche e nei cavalli di ritorno, abituato a uscire con fucili a canne mozze. Vincenzo Staterini, imparentato con il boss del Rione Sanita' Patrizio Vastarella, aveva un curriculum criminale di spessore.

Duplice omicidio a Giugliano nel Napoletano.

Due uomini sono stati uccisi a Giugliano, nell' entroterra di Napoli, all' interno di una tabaccheria a circa 100 metri dal Municipio, nel centro storico della città.

Non si conoscono ancora i dettagli dell'agguato. Indagini degli agenti del locale Commissariato.