Genoa: Juric in lacrime in conferenza

Genoa: Juric in lacrime in conferenza

Minervino Buccola
Mag 1, 2017

Poi però abbiamo avuto un calo così che non me lo spiego. "Paura della Serie B?" Così l'allenatore del Genoa, Ivan Juric, dopo il ko interno col Chievo.

"Non dobbiamo cercare scuse nella contestazione dei tifosi, nei fumogeni o in altre cose; il 99% del pubblico è stato fantastico oggi, poi ci sono stati lanciati dei fumogeni in campo ma è una cosa che dipende da pochissime persone". Cerco spiegazioni ma non le trovo - ha aggiunto l'allenatore del Grifone - La mia sensazione era che la squadra fosse sostenuta dai tifosi dall'inizio. Non c'è Izzo, abbiamo giocatori arrivati che io non li vedo neanche, che non ci sono all'allenamento o si fermano dopo tre secondi perché non ne hanno voglia.

Maran, da osservatore esterno, sostiene che il Genoa ha ancora margine, cinque punti (praticamente sei, visto il vantaggio negli scontri diretti) sulla terz'ultima sono tanti: per Juric saranno quattro battaglie, ma "in questo campionato nessuno ti regala niente, cercheremo di ricavare qualcosa da questa sconfitta - lunga pausa - se si può".

In seguito Juric ha raggiunto la sala stampa per rispondere alle domande dei cronisti presenti ma è poi stato costretto a lasciare la conferenza perché incapace di trattenere le lacrime: "Non aspettatevi rivoluzioni nelle prossime gare perché non ho molte alternative". All'ex Crotone gli era stato chiesto se si era pentito di essere tornato.