Cc e Gdf a Roma in uffici della Consip

Cc e Gdf a Roma in uffici della Consip

Aldobrando Tartaglia
Aprile 13, 2017

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma stanno acquisendo atti alla Consip, la Centrale Acquisti della Pubblica Amministrazione.

Firenze. La Procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati il capitano del Noe, Giampaolo Scafarto, per falso nell'ambito dell'inchiesta Consip. L'incidente probatorio viene chiesto per cristallizzare le accuse nei confronti di Gasparri. Secondo la Procura di Roma, la frase attribuita falsamente all'imprenditore Alfredo Romeo ("Renzi, l'ultima volta che l'ho incontrato"), sarebbe stata in realtà pronunciata dall'ex parlamentare e collaboratore dello stesso Romeo. L'acquisizione di documenti è legato al mega appalto Fm4 da 2,7 miliardi di euro.

L'atto istruttorio è stato disposto dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal sostituto Mario Palazzi. Lo scopo è "verificare se l'operato di taluno dei titolari dell'inchiesta Consip possa incidere negativamente sull'immagine di imparzialità ed indipendenza del magistrato, determinando una incompatibilità ambientale e/o funzionale". "Al momento c'è da capire la dinamica dei fatti".