Napoli - Pratiche false per ottenere la cittadinanza italiana, 2 arresti

Napoli - Pratiche false per ottenere la cittadinanza italiana, 2 arresti

Aldobrando Tartaglia
Aprile 8, 2017

Secondo le indagini dei carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna, guidati dal capitano Angelone, il sistema architettato per aggirare i vincoli comunitari sul tesseramento di cittadini extra UE consentiva ai calciatori brasiliani di ottenere la naturalizzazione in poco tempo. L'unico a giocare in Italia è Bruno Henrique Corsini, centrocampista del Palermo. Gli altri 4 calciatori giocano in Brasile: si tratta di Eduardo Colcenti Antunes, detto "Eduardo Sasha" e Gustavo Henrique Ferrareis, detto "Gustavo", entrambi dell'Internacional di Porto Alegre, Eduardo Henrique, in prestito all'Internacional, e Guillherme Lazaroni del Red Bull Brasil.

Una vicenda legata alla falsificazione di atti sta emergendo in Italia in relazione alla concessone della cittadinanza a 300 brasiliani che negli ultimi anni hanno ottenuto il passaporto in virtù della loro presunta discendenza da emigrati. I giocatori brasiliani di calcio a 5 militano tutti in squadre italiane, ben 6 in particolare nell'under 21 del Kaos Futsal Asd di Ferrara, club la cui prima squadra milita nella Serie A di calcio a 5. Ma i principali media sostengono che i calciatori brasiliani coinvolti sono anche in squadre della Serie A. I due fermati sono finiti agli arresti domiciliari.

Pratiche false per ottenere la cittadinanza italiana, beneficiari anche giocatori di calcio militanti in squadre di serie A. E' quanto hanno scoperto i carabinieri nel Napoletano, che hanno dato esecuzione a una misura cautelare emessa dal gip di Nola a carico di 2 indagati.