AGCOM diffida Wind Tre sullo zero rating

AGCOM diffida Wind Tre sullo zero rating

Bruto Chiappetta
Marzo 23, 2017

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha infatti chiesto ai due operatori di sospendere l'erogazione di alcuni dei propri servizi online una volta esaurito il traffico dati. Ebbene, secondo quanto emerso proprio in queste ore tramite i colleghi di Mondo3 pare che la fusione Wind e 3 Italia sotto questo punto di vista possa effettivamente bruciare le tappe, visto che alcuni possessori di SIM 3 riportano esperienze estremamente interessanti.

Aldo Fontanarosa anticipa su "la Repubblica" la diffida di AGCOM nei confronti di Wind Tre.

Inoltre, una discriminazione di questo tipo mette in pericolo la net neutrality, perché invoglia l'utente ad usare il servizio proprietario offerto dall'operatore a discapito di altri concorrenti che non possono godere dello zero rating.

Le due compagnie - che da poco si sono fuse - offrivano questa soluzione attraverso l'app Music by 3 e la chat di Veon. L'Agcom chiama in causa le regole europee e accusa la Tre e Wind (che intanto sono diventate una società unica) di violare uno dei pilastri della navigazione in Internet: la neutralità della Rete.

E ancora: "I fornitori devono trattare tutto il traffico allo stesso modo, senza discriminazioni, restrizioni o interferenze, e a prescindere dalla fonte e dalla destinazione, dai contenuti cui si è avuto accesso o che sono stati diffusi, dalle applicazioni o dai servizi utilizzati o forniti, o dalle apparecchiature terminali utilizzate". Wind e Tre avranno tempo fino al 15 aprile per spiegare al Garante quali misure hanno adottato per "adeguare la propria offerta alle succitate disposizioni".

In caso contrario i due operatori andranno incontro a procedimenti penali e a sanzioni.