Roma. Nuova inchiesta su Virginia Raggi

Roma. Nuova inchiesta su Virginia Raggi

Minervino Buccola
Febbraio 8, 2017

Sul registro degli indagati ci finisce anche Salvatore Romeo, ex capo della segreteria politica della sindaca di Roma.

Romeo avrebbe ricevuto un invito a comparire per essere interrogato in settimana dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Francesco Dall'Olio. Il reato ipotizzato è "in concorso" con Virginia Raggi, perché Romeo venne nominato dalla sindaca. Salvatore Romeo è lo stesso che sottoscrisse due polizze sulla vita della quali era beneficiaria la Raggi, ma questa vicenda secondo gli inquirenti non è penalmente rilevante. Una nuova svolta giudiziaria nel caso che riguarda la promozione di Renato Marra, fratello di Raffaele, a direttore del dipartimento Turismo del comune di Roma. "In ragione di questo rapporto fiduciario, l'ho presentato a vari esponenti del Movimento 5 stelle".

Virginia Raggi firmò la delibera che ha determinato, nell'agosto scorso, la nomina di Salvatore Romeo a capo della segreteria, con conseguente triplicazione dello stipendio percepito. Una dicitura poco comprensibile ma che di fatto triplicava l'emolumento di Romeo. Chi indaga vuole capire se ci sono ulteriori profili, sconosciuti al momento. Ma ancora non è dato sapere per quale motivo l'ex capo della segreteria politica del Campidoglio avesse scelto la sua futura "datrice di lavoro" per intestare le sue polizze qualche mese prima di assumere la prestigiosa, e molto ben retribuita, carica. La questione dello stipendio, peraltro, non fu allora esplicata con la dovuta precisione: come riferisce l'Ansa, si parlò di "trattamento economico lordo, parametrato a quello dirigenziale terza fascia di retribuzione", in riferimento al contratto integrativo dei dirigenti di Roma Capitale, e non di cifre. Anche di questo si parlerà nell'interrogatorio.