Intesa Sanpaolo: utile netto in crescita. Dividendi 2016 per 3 mld euro

Intesa Sanpaolo: utile netto in crescita. Dividendi 2016 per 3 mld euro

Bruto Chiappetta
Febbraio 6, 2017

Per quanto riguarda i coefficienti patrimoniali il Cet1 a fine 2016 si è attestato al 12,9% a regime e al 12,7% transitional contro il 13% e il 12,8% di fine settembre. Nel 4° trimestre il risultato netto consolidato è pari a 776 milioni di euro, rispetto a 628 milioni del terzo trimestre 2016 e a 13 milioni del quarto trimestre 2015. Il Common Equity ratio nello stress test nello scenario avverso al 2018 si è attestato al 10,2%. Il risultato dell'attività di negoziazione è cresciuto da €57 milioni a €247 milioni. Le commissioni nette sono pari a 7.287 milioni, in flessione dello 0,7% rispetto ai 7.342 milioni del 2015. Le rettifiche di valore nette su crediti si sono attestate a 1,2 miliardi, in crescita rispetto ai 923 milioni dello stesso periodo del 2015.

Intesa Sanpaolo vuole distribuire per il 2016 un dividendo di €0,178 per le ordinarie e di €0,189 per le risparmio, entrambi in crescita rispettivamente da €0,14 e €0,151. Per il 2017 si prevedeva inizialmente una cedola da 4 miliardi. Il risultato corrente lordo è pari a 5.432 milioni, rispetto ai 5.015 milioni del 2015.

Gli accantonamenti netti e le rettifiche di valore nette su altre attività risultano pari a 422 milioni, in calo dai 570 milioni del 2015 (comprendenti 172 milioni derivanti dalla normativa in Croazia in merito alla conversione in euro dei crediti in franchi svizzeri). Considerando, oltre alle rettifiche specifiche, anche il valore delle garanzie relative alle sofferenze, il grado di copertura complessivo delle stesse è pari al 153% includendo le garanzie reali e al 160% includendo anche le garanzie personali. La raccolta diretta bancaria ammonta a 394 miliardi (+5,8% a/a) mentre il complesso di raccolta diretta assicurativa e riserve tecniche risulta pari a 144 miliardi (+8,4% a/a). L'istituto segnala comunque un 'miglioramento nel trend del credito' nell'intero 2016, con un 'flusso di nuovi crediti deteriorati provenienti da crediti in bonis in forte riduzione e che registra il valore piu' basso dalla costituzione di Intesa Sanpaolo': il flusso lordo e' di 5,8 miliardi nel 2016 (-34% annuo), mentre quello netto e' di 3,1 miliardi (-46%). Le inadempienze probabili diminuiscono a 14.435 milioni di euro dai 17.091 milioni del dicembre 2015 e i crediti scaduti/sconfinanti scendono a 437 milioni di euro da 1.022 milioni di fine 2015.