Messina, dà fuoco alla ex fidanzata: fermato 24enne. Lei in gravissime condizioni

Messina, dà fuoco alla ex fidanzata: fermato 24enne. Lei in gravissime condizioni

Prospera Giambalvo
Gennaio 12, 2017

Una ragazza di 22 anni, Ilenia Grazia Bonavera, è ricoverata al Policlinico di Messina dopo che ieri mattina l'ex compagno l'ha cosparsa di benzina e le ha dato fuoco. Dopo il misfatto l'uomo è scappato. L'aggressione è avvenuta in casa della vittima nel quartiere Bordonaro. Il fermato, si ribadisce, è stato identificato da altri elementi di prova, e non dalla fidanzata, che sono stati allegati alla richiesta di convalida inviata al Gip.

La giovane ha riportato ustioni di primo e secondo grado sul 13 per cento del corpo, lesioni provocate dalle fiamme che l'hanno praticamente avvolta fino quasi ad ucciderla."La ragazza è sotto choc, ma le condizioni di salute sono buone". E' accusato di tentativo di omicidio. "Mia cugina sta meglio, eravamo preoccupatissimi ma i medici ci hanno rassicurato sulle sue condizioni". La vittima di questa barbara aggressione non ha avuto modo di difendersi e, appena ha aperto la porta di casa, è stata investita dal getto di benzina infuocata. Le indagini della squadra mobile sono coordinate dal procuratore aggiunto Giovannella Scaminaci e dal sostituto Antonella Fradà.

Il ragazzo sarebbe poi fuggito e per un intero giorno si sarebbe reso irreperibile. La ragazza è stata soccorsa e trasportata in ospedale. L'immediato intervento dei poliziotti della Squadra mobile di Messina "ha permesso di chiarire le dinamiche dei fatti e le responsabilita' dell'uomo" - spiegano dalla questura - ricercato attivamente sino a quando, Alessio Mantineo, ieri, sentitosi braccato, ha deciso, in serata, di consegnarsi, presentandosi con il proprio legale, l'avvocato Salvatore Silvestro. "Le ferite sono al fianco, la caviglia e la mano destra e la coscia sinistra", così Francesco Stagno Dal Contres, primario di Chirurgia plastica del Policlinico, ha parlato della ventiduenne. La prognosi della paziente, stando a quanto dichiarato dai sanitari, resta riservata anche se, a quanto sembra, non sarebbe in pericolo di vita.