La Cina vieta l'app Pokémon Go:

La Cina vieta l'app Pokémon Go: "Un rischio per la nostra sicurezza"

Saba Mula
Gennaio 12, 2017

Le autorità asiatiche hanno infatti deciso di proibire l'uscita del gioco sull'intero territorio nazionale.

Sembrerebbe che i giocatori cinesi dovranno aspettare ancora molto tempo prima di poter mettere le mani su Pokémon GO. Nonostante ci siano alcune società cinesi che hanno realizzato giochi simili, basati proprio su realtà aumentata e servizi di localizzazione, probabilmente il governo cinese continuerà a bloccare titoli simili realizzati da compagnie statunitensi. No, qui le ragioni sono essenzialmente politiche, o sarebbe meglio dire geo-politiche. Bandita non solo l'applicazione ufficiale ma anche tutte le varie imitazioni che vanta e non sono poche considerato il successo planetario di Pokémon Go.

Strumento per l'intelligence - Più precisamente, si cerca di scongiurare la possibilità che gli utenti finiscano, spinti dalla ricerca dei Pokémon, per esplorare zone pericolose e proibite come le basi militari dell'Esercito.

Pokemon GO è stato sicuramente il gioco del 2016 che ha registrato nei primissimi mesi dall'uscita in Europa feedback incredibili e record su record.

Condannata è anche la geo-localizzazione dell' app, che esporrebbe il paese a pericoli di "sicurezza geografica": Pokémon GO fa utilizzo anche di Google Maps, attualmente vietato in Cina.

Le cause che hanno portato al bando sono legate principalmente alla sicurezza, sia delle persone che delle cose.