In classe si gela, bambini con i giubbotti

In classe si gela, bambini con i giubbotti

Saba Mula
Gennaio 12, 2017

Le cronache romane dei grandi giornali, da Repubblica al Messaggero, stanno infatti raccogliendo impietosamente la lista delle scuole e degli istituti rimasti al freddo perché i termosifoni non sono partiti o non sono funzionanti o semplicemente non sono bastati a riscaldare in tempo le aule, col risultato di studenti costretti a tornare a casa e famiglie che hanno riportato indietro i bambini. Premesso e preso atto della gravità della situazione e delle circostanze che ci costringono ad azioni immediate e risultati celeri annunciano, per domani mattina, uno sciopero del Corpo Studentesco e relativo Sit-In di protesta a Piazza Duomo per esporre le loro ragioni, a seguire una delegazione di 10 persone costituite dai Rappresentanti dei Plessi richiederà di essere ricevuta presso gli spazi della Provincia dal Commissario Romano al quale verranno chieste delucidazioni e tempi certi riguardo l'arrivo dei fondi e l'avvio dei progetti, verrà altresì richiesta la presenza del Prefetto, al fine di garantire un più ampio confronto ed una prospettiva maggiore a lungo termine. "Dentro le scuole, altro che caldo, zero gradi è stata la temperatura registrata". In sintesi la dirigenza ritiene che vi sia in corso una sorta di strumentalizzazione da una parte degli studenti e alcuni genitori che starebbero ingigantendo la situazione ai danni dell'immagine dell'istituto.

È evidente che a causa di questa ondata di gelo, l'orario di accensione previsto dal regolamento è insufficiente, per questo molte mamme hanno segnalato il disagio, trovando all'uscita scolastica i bambini intirizziti dal freddo. La vicenda è nelle mani dell'ex Provincia, che gestisce l'immobile.

Gravi problemi anche alla media Corradini, nella scuola di via Tasso e all'istituto Agrario. "I termosifoni a dicembre si spegnevano alle 11 per riaccendersi dopo un'ora. Il problema comunque circoscritto a due sole aule, per cui nei prossimi giorni la scuola rimarrà aperta e le lezioni si svolgeranno regolarmente".