Trump:Meryl Streep lacchè di Hillary

Trump:Meryl Streep lacchè di Hillary

Bruto Chiappetta
Gennaio 11, 2017

In questo momento noi apparteniamo al gruppo di persone più denigrato della società americana.

Meryl Streep per contro Donald Trump.

Trump, che non ha visto la premiazione, ha dichiarato che non ha bullizzato nessuno e che la Streep è un'attrice sopravvalutata, seguace della Clinton che "ha perso di grosso".

Meryl Streep ha fino consunto il di lui speech durante discolpare la indole, necessaria, ha soprannominato, durante battezzare il potestà "a rendere indipendente importanza". È solo un mucchio di gente che viene da altri paesi - ha aggiunto la Streep, riferendosi ai differenti background di attrici come Viola Davis, Sarah Paulson, Sarah Jessica Parker, Amy Adams, Natalie Portman e Ruth Negga. "Ma non ho fatto nulla di tutto questo". Che cos'è Hollywood? (.) Di sicuro è piena di outsider e stranieri. Ha ricordato con la voce rotta dall'emozione un episodio in particolare: quando il tycoon aveva imitato e preso in giro un giornalista disabile del New York Times, che lo aveva criticato durante un comizio elettorale. Chiamata sul palco del Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, in California, per ritirare il Golden Globe alla carriera, Cecil B. DeMille Award, Meryl Streep ha tenuto uno dei discorsi più sentiti ed emozionanti degli ultimi anni. L'attrice premio Oscar ha dato prova del fatto che anche le donne "over" possono essere splendide: all'ultima edizione dei Golden Globes era assolutamente perfetta. "Sono stato chiamato in causa da un giornalista che era nervoso perchè aveva cambiato storia. Questo istinto di umiliare esternato da un personaggio pubblico.da qualcuno di potente, incide sulla vita di tutti perché è come se autorizzasse altre persone a fare lo stesso". Mancanza di rispetto porta mancanza di rispetto, la violenza genera altra violenza. Il ruolo della stampa è quello di esercitare il controllo sui potenti e far rispondere loro per ogni gesto oltraggioso, non di andare avanti al loro fianco. Quindi chiedo alla Hollywood Foreign Press e a tutta la nostra comunità di unirsi a me nel sostenere il Committee to Protect Journalists.