Norvegia, saluto nazista di Breivik al Processo D'Appello

Norvegia, saluto nazista di Breivik al Processo D'Appello

Prospero Rigali
Gennaio 11, 2017

L'estremista norvegese Anders Behring Breivik, responsabile dell'uccisione di 77 persone nel luglio del 2011 a Oslo e sull'isola di Utoya, è tornato in aula e ha riproposto il saluto nazista ad inizio udienza.

L'avvocato che difende Breivik, Oystein Storrvik, aveva vinto la causa con il governo norvegese per aver violato due clausole della Convenzione europea dei diritti dell'uomo: una che garantisce il diritto al rispetto della vita privata e familiare e della corrispondenza e l'altra che vieta pene o trattamenti inumani o degradanti. Oggi, 10 gennaio 2017, si è riaperto il processo d'appello, richiesto per motivi opposti sia da lui che dallo Stato. Gli avvocati dello Stato, dal canto loro, hanno sempre sostenuto che il regime carcerario a cui è sottoposto Breivik è "umano e responsabile", vagliato da "controlli medici" continuativi nel corso dei cinque anni. Come per il primo grado, anche questo nuovo processo si celebrerà per ragioni di sicurezza in un'aula di Skien (a sud di Oslo), lo stesso carcere in cui sta scontando la condanna.

Per il massacro l'uomo, che è comunque apparso molto dimagrito, è stato condannato a 21 anni di carcere.